Wait...

Sistema per l’intrattenimento domestico Lifestyle® 535 Serie III

7. Sorgenti

Il primo passo per poter usufruire del dispositivo consiste nel configurare Apple TV, dal menù Impostazioni possiamo selezionare il tipo di rete che intendiamo utilizzare (Wireless o Ethernet), con tutte le impostazioni del caso (utilizzo DHCP, IP manuale etc..), da quì si passa alla risoluzione della TV, in base al proprio pannello possiamo scegliere risoluzioni HD: 720p e 1080i, oppure risoluzioni ED: 480p/i e 576p/i.

Sempre dal menù impostazioni si ha la possibilità di abbinare l’Apple Remote all’Apple TV, in modo da non interferire con gli eventuali Mac presenti nell’ambiente, di aggiornare il software, di impostare la lingua e, in caso si presenti la necessità, di ripristinare le impostazioni iniziali.

Adesso possiamo dedicarci alla sincronizzazione dei contenuti digitali, Il prodotto è accoppiabile per la sincronizzazione ad un solo computer e lo streaming da fino a cinque postazioni. Qual’è la differenza tra le due modalità operative? Solo nel primo caso i contenuti vengono copiati sul disco fisso del dispositivo (40 GB, fino a 50 ore di video stimate), permettendo, per esempio, ai possessori di computer portatili, di fruirne anche in assenza dei medesimi; in streaming si ha comunque la possibilità di accedere alla libreria di iTunes e ai relativi contenuti audio/video, non è possibile però visualizzare le foto, funzione esclusiva solo per la macchina scelta per la sincronizzazione.

Cliccare sulle foto per ingrandirle

Apple TV si utilizza con l’ausilio del solo telecomando Apple Remote (lo stesso fornito in dotazione con gli ultimi modelli Mac). L’interfaccia grafica, denominata Back Row, è a metà strada tra quella di un iPod e quella di Front Row, rendendo il prodotto davvero alla portata di tutti, il cui funzionamento è gestito interamente via iTunes, come nel caso di un iPod possiamo scegliere a nostro piacere se e come sincronizzare musica, filmati, podcast e foto.

Apple TV è un dispositivo compatto e silenzioso, dall’estetica piacevole e costruito con cura. L’alimentatore è integrato, rendendo più pratico il collegamento. L’unità non viene fornita né di iTunes 7 né dei cavi di collegamento (HDMI, DVI e video component). Dalle nostre prove non si sono riscontrati difetti (versione software 1.0), l’apparecchio non ha avuto nessun problema nella riproduzione dei contenuti sia in Sync, che in Streaming. La qualità dell’esperienza dipende, ovviamente, da quella di partenza; se vi ritrovate una libreria di iTunes mal gestita e/o incompleta, la ritroverete così com’è sul televisore, chi invece ha dedicato un po’ di tempo alla catalogazione, all’organizzazione e la classificazione dei propri media, vedrà ripagati i propri “sforzi digitali”.

Riproduzione audio

Per la riproduzione dell’audio abbiamo potuto ottenere in prestito dal distributore di famosi prodotti hi-fi Audio 4, tra cui i leggendari Meridian, Quad e Kef, un sistema di casse acustiche Quiet biamplificate che sono state collegate alle uscite RCA audio dell’Apple TV.

Pur costando solo 288 Euro, IVA inclusa, le Active 1A Quiet offrono risultati sonici di grande effetto e qualità.

Sono diffusori attivi 2 vie biamplificati reflex con potenza totale 2×20 W RMS e con amplificatore installato all’interno del diffusore destro. I componenti sono: woofer da 130 mm, tweeter da 25 mm. La risposta in frequenza va da 45Hz-20000Hz con un rapporto segnale/disturbo di ± 80dB ed una sensibilità di ingressi di 100mV/47kohm. Sul retro della cassa amplificata c’è la regolazione volume, alti, bassi, uscita cuffia. Le dimensioni sono: mm 285x180x240 – frontale nero high gloss. Uscita subwoofer con taglio a 120 Hz (è possibile abbinare il Subwoofer attivo 100 W – reflex con woofer 25cm corsa lunga della stessa casa Quiet.

Notevoli la potenza, gli effetti audio e la profondità del suono con i Trailer di film in streaming diretto da iTunes. Ci sembrano un ottimo abbinamento, che finalmente non rappresenta più la sola amplificazione della musica dell’iPod, come ci hanno abituato sistemi acustici di questo prezzo, ma riteniamo possa essere una vera alternativa all’hi-fi di casa.

La nostra esperienza ha comunque evidenziato qualche pecca, come ad esempio il supporto al solo formato MPEG-4/H.264, l’impossibilità di regolare il volume in uscita direttamente con l’Apple Remote e una discreta lentezza nella sincronizzazione, in caso non si sia in possesso di una connessione Wi-Fi con il nuovo standard 802.11n.

Apple TV aperto-vista dal fronte Apple TV aperto-vista dal retro Drive hard disk ATA

Cliccare per ingrandire le foto

La nostra conclusione è che si tratti al momento dell’acquisto con miglior rapporto qualità prezzo nel settore dei prodotti multimedia.

Prezzo al pubblico:

Add comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *